Blog
Solus Christus

La battaglia del cristiano è spirituale:


"La nostra battaglia infatti non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti"

https://vivificat.wordpress.com/2011/06/07/la-battaglia-del-cristiano-e-spirituale-la-nostra-battaglia-infatti-non-e-contro-creature-fatte-di-sangue-e-di-carne-ma-contro-i-principati-e-le-potesta-contro-i-dominatori-di-questo-mondo-di-ten/

Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana

Nessuna Chiesa deve essere ricca! la prosperita' e' spirituale.



Matteo 6,19-24

19 Non accumulatevi tesori sulla terra, dove tignola e ruggine consumano e dove ladri scassinano e rubano; 20 accumulatevi invece tesori nel cielo, dove né tignola né ruggine consumano, e dove ladri non scassinano e non rubano. 21 Perché là dov'è il tuo tesoro, sarà anche il tuo cuore.

22 La lucerna del corpo è l'occhio; se dunque il tuo occhio è chiaro, tutto il tuo corpo sarà nella luce; 23 ma se il tuo occhio è malato, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!

24 Nessuno può servire a due padroni: o odierà l'uno e amerà l'altro, o preferirà l'uno e disprezzerà l'altro: non potete servire a Dio e a mammona.

Il professore disse che Dio non esiste. Ma leggete la risposta che diede uno studente

Inserisci sottotitolo qui

La decima

Quello che chiede la Chiesa è una corresponsabilità concretizzata in un apporto libero e volontario, frutto della fede

Quanto denaro devo dare alla Chiesa in base al concetto della decima? Nella mia parrocchia lo stanno chiedendo, e non so quanto offrire...

In ambito civile, fin dall'epoca romana, la decima era un'imposta (del 10%) che si pagava in ragione di una controprestazione, per un'autorizzazione a svolgere un lavoro, per il diritto di usare un terreno, ecc.

L'origine della decima è molto antica, perché in ambito religioso se ne parla già nell'Antico Testamento.

La decima era il 10% o i primi dieci frutti o la decima parte dei prodotti offerti a Dio, e forse è stata istituita evocando simbolicamente i dieci comandamenti. Secondo la legge mosaica, la decima era obbligatoria.

In base all'etimologia, la parola "decima" veniva intesa come la decima parte dei frutti che provenivano dalle campagne e dagli animali, ma attenzione perché si parla solo di prodotti (olio, grano, vino...) e non di denaro.

Biblicamente parlando, la decima non è quindi mai stata un'offerta a Dio in denaro, ma in beni (Levitico 27, 30-32; Malachia 3, 8-10), e ai tempi di Esra si parla solo delle decime di cereali e frutti.

Si sa che la prima decima che appare nella Bibbia è quella data da Abramo al sacerdote Mechisedech in segno di gratitudine (Genesi 14, 20).

In seguito è stata istituita la decima a favore dei sacerdoti leviti. Dio ha portato il suo popolo nella terra promessa, e lì ha suddiviso la terra tra le undici tribù. Visto che la tribù dei leviti avrebbe dovuto dedicarsi al servizio del culto a Yahvè, le altre tribù avrebbero dovuto dare la decima per sostenere il sacerdozio ebraico, che doveva sostentarsi fino all'arrivo del Messia.

La decima era quindi il modo di sostenere la tribù israelita di Levi che non poteva possedere terre. Visto che il suo compito era dedicarsi al servizio del tabernacolo, era rimasta senza terra quando era stata ripartita quella di Canaan (2 Cronache 31, 5-19). "Ai figli di Levi io dò in possesso tutte le decime in Israele per il servizio che fanno, il servizio della tenda del convegno" (Numeri 18, 21).

Quello che riceveva la tribù di Levi da parte del popolo ebraico era il 10% di quello che davano tutte le altre tribù di Israele. La decima doveva essere amministrata non solo per il servizio di culto, ma anche per le opere di carità (Deuteronomio 26, 12-13).

Per il libro del Levitico, quindi, la decima è un'imposta a beneficio del tempio, secondo il libro dei Numeri un'imposta a favore dei leviti, per il Deuteronomio un banchetto festoso davanti a Yahvè in cui la decima (in beni) viene consumata, e ogni tre anni un'opera a favore dei bisognosi.

In ogni caso, la decima era una cosa propria ed esclusiva dell'Antico Testamento, del popolo ebraico e legata al culto "ufficiale". Per questo nel Nuovo Testamento i cristiani non parlano della decima, né tantomeno è stata imposta.

Al giorno d'oggi c'è chi mescola le due alleanze come se fossero la stessa cosa. Ci sono persone che si ritengono cristiane ma in alcuni casi anche ebree per il fatto di chiedere la decima.

Se si desidera seguire la legge ebraica, bisogna fare tutto o niente: circoncidersi, non mangiare sangue, osservare il sabato, dare la decima e offrire olocausti...

A una persona non era permesso di scegliere quello che le piaceva dell'ebraismo e quello che non le piaceva, come se fosse una specie di menù religioso; non poteva scegliere cosa seguire e cosa rifiutare.

Una volta arrivato il Messia, nella persona divina di Gesù, Egli istituisce una nuova alleanza. Nel Nuovo Testamento c'è un Popolo Nuovo: la Chiesa cattolica, istituita da Gesù Cristo con i suoi apostoli e i loro successori (At 20, 28).

In questo nuovo patto non c'è più decima, perché non bisogna più sostenere il "sacerdozio" ebraico.

È per questo che, passando ora al Vangelo, la decima è un tema assente sia nella predicazione di Gesù che in quella apostolica. Né Gesù né gli apostoli hanno raccomandato, chiesto o fatto chiedere la decima.

Nella Chiesa non si vede più quest'ordine o obbligo di pagare la decima, chiedendo quello che esce dal cuore.

Di fatto, non esiste alcun riferimento biblico che dica a un cristiano che deve offrire la decima.

Nel libro degli Atti degli Apostoli (la storia dei primi anni della Chiesa) non si menziona la parola "decima" neanche una volta. Ci sono numerosi esempi di persone che hanno dato denaro di "cuore", ma non si nomina mai la decima.

Paolo è molto chiaro, bisogna dare ciò che si può offrire e in modo spontaneo, perché Gesù stesso, istituendo la sua Chiesa, ha detto che quelli che vivevano per l'annuncio del Vangelo dovevano vivere del Vangelo (1 Co 9, 13-14; 1 Tim 5,18) e non del denaro dei fedeli.

Nel Nuovo Testamento si menziona la parola "decima" solo in tre occasioni, e in una triste relazione con i maestri della legge, molto criticati da Gesù (Lc 18, 12-14; Mt 23, 23; Lc 11, 42).

Sia chiaro: la comunità primitiva non si è finanziata con alcun tipo di decima.

Nella Chiesa cattolica non esiste la decima, né nel senso veterotestamentario né in quello di qualcosa di "imposto"; quello che la Chiesa chiedeva e chiede è una corresponsabilità.

Una corresponsabilità intesa come apporto libero e volontario, frutto della fede dei fedeli per far fronte alle necessità economiche di tutta la comunità ecclesiale.

Il quinto precetto della Chiesa indica il dovere di aiutarla nelle sue molteplici necessità materiali, ma ciascuno in base alle proprie possibilità. E "la Chiesa ha il diritto nativo di richiedere ai fedeli quanto le è necessario per le finalità sue proprie" (canone 1260).

In nessun documento ufficiale della Chiesa si menziona la possibilità della decima, e men che meno come una richiesta del 10% dello stipendio di nessuno. Non si chiede un contributo quotidiano né mensile, né si chiede di offrire un apporto con qualche regolarità o frequenza.

La Chiesa non esime dal dovere morale di contribuire a suo favore, perché è un dovere di giustizia (da non confondere con un dovere di carità, che è un'altra cosa); al contrario, ci insegna che il cristiano deve dare per amore di Cristo in base alle proprie capacità.

Quello che la Chiesa dice invece è che "i fedeli sono tenuti all'obbligo di sovvenire alle necessità della Chiesa, affinché essa possa disporre di quanto è necessario per il culto divino, per le opere di apostolato e di carità e per l'onesto sostentamento dei ministri" (canone 222).

La Chiesa, richiamando gli insegnamenti di San Paolo, ricorda il dovere dei fedeli di contribuire generosamente alle necessità della Chiesa in base alle proprie possibilità, ma il modo in cui si deve realizzare questo contributo non è definito da una legge uguale per tutta la Chiesa universale.

Le varie Conferenze Episcopali danno direttrici o la possibilità che i fedeli aiutino la Chiesa; ad esempio, in alcuni Paesi basta il consenso del cittadino perché lo Stato dia alla Chiesa una percentuale delle imposte del cittadino stesso.

Quello che la Chiesa non chiederà mai è il 10% obbligatorio dello stipendio di qualche fedele, e men che meno perché la decima esisteva nell'Antico Testamento.

Va ricordato che gli apporti dei fedeli, anche se rispettano sicuramente il quinto precetto della Chiesa, saranno sempre cifre simboliche, perché le necessità della Chiesa universale sono ingenti, urgenti e costanti.

L'importante, quindi, è che ciascuno dia con generosità: "Ciascuno dia secondo quanto ha deciso nel suo cuore, non con tristezza né per forza, perché Dio ama chi dona con gioia" (2 Cor 9, 7).

Fin dai tempi della Chiesa primitiva, noi cristiani cooperiamo al sostentamento dei fratelli. Come? Attraverso le collette.

San Paolo chiedeva ai cristiani di aiutare i fratelli di Gerusalemme che attraversavano una crisi: "Quanto poi alla colletta in favore dei fratelli, fate anche voi come ho ordinato alle Chiese della Galazia. Ogni primo giorno della settimana ciascuno metta da parte ciò che gli è riuscito di risparmiare" (1 Cor 16, 1-2).

La misura è l'amore e la capacità di ciascuno. È un modo per restituire al Signore una piccola parte del tanto che ci dà sempre.

È importante sottolineare un aspetto: una cosa è il diritto della Chiesa di cercare forme appropriate di autofinanziamento per portare avanti il progetto salvifico di Dio, e un'altra molto diversa che bisogna respingere è l'affanno per il lucro a costo della buona fede della gente e la manipolazione biblica di alcuni per raggiungere i propri fini.

Ciò vuol dire che una cosa è vedere quali erano l'uso e il senso della decima nell'Antico Testamento, e un'altra è usare passi biblici perché la gente creda nella vigenza della decima e consegni il 10% del suo stipendio.

I leader delle confessioni protestanti sbagliano esigendo la decima, perché quel famoso 10% in denaro dello stipendio non viene mai menzionato nella Bibbia. La decima come viene indicata oggi dalla maggior parte delle sette, ovvero dare il 10% delle proprie entrate in denaro, non esiste nelle pagine della Bibbia. Questi leader sbagliano per tre motivi:

1.- In primo luogo ricorrono a citazioni dell'Antica Alleanza, e di Malachia, per far credere alla gente che chiedere il 10% dello stipendio sia qualcosa di biblico.

2.- In secondo luogo, perché la decima dev'essere solo ed esclusivamente intesa come un'offerta in beni, in alimenti, frutta o animali.

3.- In terzo luogo, perché la decima è solo un'istituzione del popolo di Israele, una legge per gli israeliti dell'Antico Testamento. Noi siamo il popolo della Nuova Alleanza e non siamo ebrei, né apparteniamo ad alcuna tribù di Israele.

<em><strong>È per questo che quello che fanno i leader di qualsiasi gruppo cristiano esigendo la decima esercitando pressioni sui fratelli non viene da Dio. "Considerano la pietà come fonte di guadagno" (1 Tim 6, 5).</strong></em>

fonte: https://it.aleteia.org/2016/01/08/quanto-denaro-devo-dare-alla-chiesa-in-base-al-concetto-della-decima/

Un professore di filosofia ateo resta immobile dinanzi alla sua classe e dopo chiede a uno dei suoi studenti di alzarsi:

Tu sei cristiano, non è vero figliolo?'

'Sì, signore', risponde lo studente.

'Così credi in Dio?'

'Certamente'.

'Dio è buono?'

'Certo! Dio è buono'.

'Dio è onnipotente? Dio può fare qualsiasi cosa?'

'Sì'.

'Sei buono o cattivo?'

'La Bibbia dice che sono cattivo'.

Il professore sorride deliberatamente. 'Aha! La Bibbia! Riflette per un istante. 'Rispondi a questa domanda. Diciamo che c'è una persona malata e tu puoi curarla. Puoi farlo. La aiuteresti? Ci proveresti?'

'Sì, signore'.

'Quindi sei buono...!'

'Non direi questo'.

'Ma perché non lo diresti? Aiuteresti una persona malata e storpia, se potessi. La maggior parte di noi lo farebbe, se potesse. Ma Dio no'.

Lo studente non risponde, allora il professore continua. 'Non lo fa, vero? Mio fratello era cristiano ed è morto di cancro, sebbene pregasse Iddio di guarirlo. Come può essere buono Dio? Mi sai rispondere?'

Lo studente resta in silenzio. 'No, non sai rispondere, vero?' dice il professore. Beve un sorso di acqua da un bicchiere sulla cattedra per concedere allo studente il tempo per rilassarsi 'Iniziamo daccapo, giovanotto. Dio è buono?'

'Er...sì,' afferma lo studente.

'Satana è buono?'

Lo studente non ha esitazioni su questo. 'No.'

'Allora da dove viene Satana?'

Lo studente balbetta. 'Da Dio'

'Giusto. Dio ha creato Satana, non è vero? Dimmi, figliolo. C'è cattiveria nel mondo?'

'Sì, signore...'

'II male è ovunque, non è vero? E Dio è il creatore di tutto, giusto?'

'Sì'.

'Quindi chi ha creato il male?' Il professore continua, 'Se Dio ha creato tutto, allora Dio ha creato il male, poiché il male esiste, e secondo il principio che le nostre opere definiscono chi siamo, allora Dio è malvagio'.

Ancora una volta lo studente non risponde. 'C'è la malattia? L'immoralità? L'odio? L'orrore? Tutte queste cose terribili esistono nel mondo?'

Lo studente è imbarazzato. 'Sì'.

'Quindi chi le ha create?'

Lo studente non risponde ancora una volta, allora il professore ripete la sua domanda. 'Chi le ha creati?' Ancora nessuna risposta. Improvvisamente il professore inizia a camminare su e giù per l'aula. La classe resta incantata. 'Dimmi', si rivolge a un altro studente. 'Credi in Gesù Cristo, figliolo?'

La voce dello studente lo tradisce e spara. 'Sì, professore, ci credo'.

Il vecchio si ferma. 'La scienza afferma che hai cinque sensi per identificare e osservare il mondo che ti circonda. Hai mai visto Gesù?'

'No, signore. Non l'ho mai visto'.

'Allora dicci, hai mai udito il tuo Gesù?'

'No, signore...'

'Hai mai toccato il tuo Gesù, assaggiato il tuo Gesù o sentito il suo odore? Hai mai avuto una percezione sensoriale di Gesù Cristo, o di Dio, per quel che importa?'

'No, signore, purtroppo.'

'Ma continui a credere in lui?'

'Sì'.

'Secondo le regole del protocollo empirico, testabile e dimostrabile, la scienza afferma che il tuo Dio non esiste... Che cosa mi dici a riguardo, figliolo?'

'Niente', replica lo studente... 'Io ho soltanto la mia fede'.

'Sì, la fede', ripete il professore. 'E quello è il problema che la scienza ha con Dio. Non ci sono prove... solo la fede'.

Lo studente rimane zitto per un momento, prima di rivolgere una sua domanda. 'Professore, esiste il caldo?'

'Sì'.

'Ed esiste il freddo?'

'Sì, figliolo, c'è anche il freddo'.

'No, signore, non esiste'.

Il professore si volta per guardare lo studente, ovviamente interessato. All'improvviso irrompe il silenzio nella stanza. 'Puoi avere molto calore, ancora più calore, super calore, mega calore, calore illimitato, calore bianco, poco calore o assenza di calore, ma non abbiamo niente che si chiami 'freddo'. Possiamo avere 458 gradi sotto lo zero, che non è calore, ma non possiamo andare oltre. Non esiste il freddo; altrimenti potremmo andare oltre i - 458 gradi. Ogni corpo o oggetto è suscettibile a studio quando ha o trasmette energia, e il calore è ciò che fa avere o trasmettere energia a un corpo o materia. Lo zero assoluto, meno (-458° F), è l'assenza totale di calore. Vede, signore, 'freddo' è soltanto una parola che usiamo per descrivere l'assenza di calore. Non possiamo misurare il freddo. Possiamo misurare il calore in unità termali perché il calore è energia. Il freddo non è l'opposto del calore, signore, ma soltanto la sua assenza'.

Silenzio nella stanza. Cade una penna da qualche parte, ma sembra un martello.

'E il buio, professore. Esiste il buio?'

'Sì', replica il professore senza esitare... 'Che cos'è la notte se non esiste il buio?'

'Si sbaglia di nuovo, signore. Il buio non è qualcosa; è assenza di qualcosa. Possiamo avere la luce fioca, la luce normale, la luce brillante, la luce intermittente, ma se non hai la luce costante non hai niente e questo è il buio, giusto? Ecco il significato che attribuiamo alla parola. In realtà, il buio non esiste. Se esistesse, potremmo rendere l'oscurità più scura, non è vero?'

Il professore inizia a sorridere al ragazzo davanti a lui. Questo sarà un buon semestre. 'Quindi arriva al punto, giovanotto?'

'Sì, professore. Il punto è, la sua premessa filosofica è imperfetta dall'inizio e quindi anche la sua conclusione lo è'.

Il professore questa volta non riesce a nascondere la sua sorpresa. 'Imperfetta? Puoi spiegarmi in che senso?'

'Lei sta partendo dalla premessa del dualismo', lo studente spiega... 'Sostiene che c'è la vita e di conseguenza la morte; un Dio buono e un Dio cattivo. Sta vedendo il concetto di Dio come qualcosa di finito, qualcosa che si può misurare. Signore, la scienza non è in grado di spiegare neanche il pensiero. Usa l'elettricità e il magnetismo, ma non ha mai visto e ancora meno compreso appieno un pensiero. Vedere la morte come l'opposto della vita significa ignorare il fatto che la morte non può esistere come una cosa sostanziale. La morte non è l'opposto della vita, ma soltanto assenza di vita'.

'Ora mi dica professore... Lei insegna ai suoi studenti che essi discendono da una scimmia?'

'Se si riferisce all'evoluzione naturale, giovanotto, sì naturalmente'.

'Ha mai osservato l'evoluzione con i suoi occhi, signore?'

Il professore inizia a scuotere la testa, ancora sorridendo, appena si rende conto dove sta approdando la questione. Un ottimo semestre, davvero.

'Siccome nessuno ha mai visto il processo evolutivo e non può neanche provare che questo processo sia continuo, non sta insegnando una sua opinione, signore? Adesso non è uno scienziato, bensì un predicatore?'

La classe è in subbuglio. Lo studente rimane in silenzio finché non si placa l'agitazione. 'Per continuare con quanto stava dicendo prima all'altro studente, lasci che le faccia un esempio su ciò che voglio dire'. Lo studente volge uno sguardo alla classe. 'Qualcuno ha mai visto il cervello del professore?' La classe scoppia a ridere. 'C'è qualcuno che ha mai udito il cervello del professore, sentito il cervello del professore, toccato o percepito il cervello del professore? Nessuno sembra averlo fatto. Quindi, secondo le leggi del protocollo empirico, stabile, dimostrabile, la scienza afferma che lei è non ha cervello, con tutto il dovuto rispetto, signore'. 'Quindi se la scienza afferma che lei non ha cervello, come possiamo avere fiducia nelle sue lezioni, signore?'

Ora la stanza è in silenzio. Il professore fissa lo studente, con il volto indecifrabile. Alla fine, dopo quella che sembra un'eternità, il vecchio risponde 'Immagino che dobbiate avere fede.'

'Adesso lei ammette che ci sia la fede e infatti la fede esiste insieme alla vita', continua lo studente. 'Ora, signore, esiste il male?' Incerto, il professore risponde 'Naturalmente, esiste. Lo vediamo ogni giorno. Ne è un esempio la mancanza di umanità tra gli esseri umani. È nella molteplicità dei crimini e della violenza ovunque nel mondo. Queste manifestazioni non sono nient'altro che il male'.

Allora lo studente replica, 'Il male non esiste signore, Il male non esiste, Signore, o perlomeno non esiste di per sé; il male è semplicemente l'assenza di Dio. Come per il freddo o il buio, è una parola che l'uomo ha inventato per descrivere l'assenza di Dio. Dio non ha creato il male. Il male è il risultato di ciò che avviene quando l'uomo non ha l'amore di Dio nella sua vita. È come il freddo che si sente quando manca il calore, o il buio che si percepisce quando non c'è luce'.

Il professore si mette a sedere.

Lo studente era Albert Einstein.

La Riforma di Martin Lutero 1517

La Riforma del Dr. Martin Lutero consiste in cinque principi:
I cinque "sola" della Riforma sono:

1) Sola Scriptura (con la sola Bibbia);
2) Sola Fide (con la sola fede);
3) Sola gratia (con la sola grazia);
4) Solus Christus (soltanto Cristo);
5) Soli Deo Gloria (per la gloria di Dio solo).

Inoltre, non abbiamo bisogno di intercessori per raggiungere Dio.
Unico intercessore e' #Cristo.

Non Chiesa, non Gerarchia, nessuno.

Ad esempio il papa Bonifacio VIII venne accusato di essere simoniaco, come riporta Dante. La riforma protestante fu causata anche dalla simonia, che fu fortemente criticata da Martin Lutero nelle sue 95 tesi affisse nel 1517. 

C.E.I.:

Matteo 18,15-20

15 Se il tuo fratello commette una colpa, va' e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; 16 se non ti ascolterà, prendi con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. 17 Se poi non ascolterà neppure costoro, dillo all'assemblea; e se non ascolterà neanche l'assemblea, sia per te come un pagano e un pubblicano. 18 In verità vi dico: tutto quello che legherete sopra la terra sarà legato anche in cielo e tutto quello che scioglierete sopra la terra sarà sciolto anche in cielo.
19 In verità vi dico ancora: se due di voi sopra la terra si accorderanno per domandare qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli ve la concederà. 20 Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro».



1 Timoteo 2:1-2 "Esorto dunque, prima di ogni cosa, che si facciano suppliche, preghiere, intercessioni e ringraziamenti per tutti gli uomini, per i re e per tutti quelli che sono in autorita', affinche' possiamo condurre una vita tranquilla e quieta in ogni pieta' e dignita'".

Quanto paghiamo per la Chiesa


Esiste un inganno di base, un palese plagio nelle traduzioni.
Qualcuno vuol farci credere che #Cristo (tempo della Grazia)
non sia venuto ad abolire, ma a dar seguito alle Scritture.
Il tempo della Legge di Mose' e' radicalmente divergente dal Vangelo di Cristo.
Vogliono tenere in vita l'Antico testamento per "giustificare" la richiesta della "decima" (Legge di Mose').
Sciacallaggio e distrazione di denaro (bastano le offerte e donazioni) per arricchirsi (soprattutto Chiese Protestanti) sfruttando il nome di #Cristo.
La Chiesa Romana intanto guadagna dall'ultimo "concordato" con lo Stato Italiano. La prima voce di spesa per lo Stato, e una delle più contestate, è l'otto per mille, ovvero la percentuale Irpef che il cittadino può destinare ad un credo religioso o lasciare allo Stato Italiano. Solo per la Chiesa Cattolica l'otto per mille ha fruttato nel 2011 la cifra record di un miliardo e 118 milioni di euro , circa l'85% dell'intera torta.
Oltre il 75% finisce depositato nella Banca I.O.R. Vaticana.
Buon pranzo a tutti. (cit.Papa Francesco)
Anche a chi non puo' mangiare?!

http://espresso.repubblica.it/attualita/cronaca/2011/08/22/news/quanto-paghiamo-per-la-chiesa-1.42654